Apple perde circa 200 miliardi di dollari di valore questa settimana. Analisi del motivo.

Le azioni placcate in oro di Apple hanno subito un duro colpo questa settimana, poiché il valore di mercato del colosso tecnologico è crollato di circa 200 miliardi di dollari alla notizia che la Cina sta vietando ai dipendenti pubblici di utilizzare gli iPhone.

Le azioni Apple sono scese del 3% giovedì e sono scese di oltre il 5% durante la settimana, anche se sono aumentate nelle prime negoziazioni di venerdì. Nonostante questo leggero calo, il titolo è cresciuto di quasi il 38% quest’anno, in gran parte a causa della crescita del business di Apple per servizi come Apple Pay e lo spazio di archiviazione iCloud.

Il divieto dell’iPhone è stato segnalato per la prima volta dal Wall Street Journal, che ha citato fonti anonime secondo cui la Cina ordina ai funzionari delle agenzie governative di non utilizzare altri dispositivi o telefoni stranieri. Il Financial Times ha citato sei fonti anonime di agenzie governative e aziende statali, tra cui un’azienda di tecnologia nucleare e un ospedale, che hanno affermato di aver detto loro di smettere di usare i telefoni Apple. Il divieto espande le precedenti restrizioni sull’uso dell’iPhone sul posto di lavoro, hanno affermato i punti vendita.

“Pechino sta cercando di ridurre la sua dipendenza dalla tecnologia americana, ma questo [divieto] ostacola notevolmente Apple perché la Cina è il suo mercato globale più grande e rappresenta circa il 20% delle sue entrate”, ha affermato Victoria Scholar, chief investment officer di Interactive Investor. , una piattaforma di investimento del Regno Unito.

Apple non ha risposto a una richiesta di commento.
Interrogato sul divieto durante un briefing quotidiano a Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning non ha commentato direttamente, affermando che “beni e servizi provenienti da qualsiasi Paese sono benvenuti ad entrare nel mercato cinese purché rispettino le leggi e i regolamenti cinesi. “

Le tensioni tra Stati Uniti e Cina sono aumentate e all’inizio del mese scorso il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che impone barriere e regolamenti sugli investimenti high-tech statunitensi in Cina, riflettendo la forte concorrenza tra la più grande economia del mondo.

Funzionari della Casa Bianca hanno affermato che Biden, partito giovedì pomeriggio per Nuova Delhi, utilizzerà il vertice annuale del G20 come un’opportunità per gli Stati Uniti per evidenziare una proposta per i paesi sviluppati e a reddito medio che amplierebbe i poteri di prestito della banca.  Fondo da circa 200 miliardi di dollari.

Biden cerca di chiarire che gli Stati Uniti e i suoi alleati che la pensano allo stesso modo sono partner economici e di sicurezza migliori della Cina. L’annunciato divieto dell’iPhone arriva in un brutto momento per Apple, che si sta preparando per il lancio del suo ultimo prodotto martedì 12 settembre, quando dovrebbe essere presentato il suo ultimo smartphone, l’iPhone 15.

Un teaser dell’evento dal vivo, chiamato “Wonderlust”, è stato pubblicato su YouTube senza fornire dettagli. Ci sono notizie di grandi cambiamenti in arrivo per l’iPhone, incluso il passaggio dalla porta Lightning di Apple al connettore USB-C che i concorrenti stanno iniziando ad adottare, in parte a causa di un mandato dell’Unione Europea.

Ma alcuni osservatori di Apple ritengono che i rischi posti dalle restrizioni cinesi sull’iPhone siano troppo grandi. L’analista di Wedbush Dan Ives ha osservato in un rapporto che la quota di mercato degli smartphone di Apple in Cina è aumentata negli ultimi 18 mesi e che il rilascio dell’iPhone 15 la prossima settimana stimolerà una maggiore domanda.

Vietare ai dipendenti governativi di utilizzare il dispositivo ridurrebbe le vendite di iPhone in Cina di 500.000 unità, dice, una frazione dei 45 milioni di telefoni che Wedbush prevede che Apple venderà in Cina nei prossimi 12 mesi.

Apple deve affrontare anche la minaccia del colosso tecnologico cinese Huawei, che ha recentemente presentato il suo ultimo smartphone di punta, il Mate 60 Pro.

Si dice che il telefono abbia potenza e velocità sufficienti per competere con l’iPhone e si sta vendendo velocemente in Cina. Huawei ha mantenuto la bocca chiusa riguardo al dispositivo, ma le sue capacità hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che la Cina possa aver aggirato le barriere statunitensi nei confronti di Huawei che le impediscono di procurarsi componenti high-tech come chip di processori avanzati che sono diventati obsoleti.

“Le fortune suggeriscono che la Cina è riuscita a superare alcune delle restrizioni imposte dalle restrizioni alle esportazioni statunitensi”, hanno affermato in un rapporto gli analisti di Capital Economics.

Fonte: Cbsnews.com

La piattaforma di trading online, eToro, offre la possibilità per chi volesse investire in azioni Apple, di comprare titoli reali o sottostanti (CFD), e fare trading CFD con gli stessi. Il broker eToro leader nel settore da diversi anni, garantisce la massima trasparenza nelle operazioni e commissioni pari a zero.

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer