Boom o fallimento? C’è un modo per fare in modo che il prezzo di Bitcoin raggiunga $ 100.000 nel 2022?

Il prezzo di BTC ha preso una svolta ribassista inaspettata a gennaio, ma ci sono catalizzatori che potrebbero supportare una corsa a $ 100.000 nel 2022?

Bassilo.it consiglia

Auto Trading Guida

Bassilo.it

Bassilo.it consiglia

Auto Trading Guida

Bassilo.it

Internet è pieno di previsioni sui prezzi di Bitcoin ( BTC ). Ad esempio, alcuni analisti ritengono che la criptovaluta di punta raggiungerà $ 1 milione per moneta nei prossimi 10 anni, mentre altri pensano che il prezzo di BTC alla fine scenderà a zero .

Senza soffermarci su previsioni che sono cinque o più anni avanti a noi, concentriamoci su cosa potrebbe fare Bitcoin, diciamo, nei prossimi sei mesi?

Anche in questo caso, le previsioni variano drasticamente. Ad esempio, Antoni Trenchev, il fondatore di Nexo Finance, vede il  prezzo di Bitcoin raggiungere $ 100.000 entro la metà del 2022.

Dall’altra parte dello spettro c’è la professoressa della Sussex University Carol Alexander, che pensa che il prezzo di Bitcoin potrebbe scendere fino a $ 10.000, spazzando via così tutti i guadagni che aveva realizzato nel 2021 .

Il bitcoin è andato quasi nel mezzo di queste due previsioni estremamente lontane e al momento della stampa il costo per l’acquisto di un BTC è vicino a $ 36.500 su Coinbase.

La circolazione di Bitcoin aumenterà in media di 6,25 BTC ogni 10 minuti fino al prossimo halving all’inizio del 2024. Ciò significa che i miner produrranno circa 900 BTC ogni giorno. Di conseguenza, entro la fine di giugno 2022, ci saranno un totale di 162.900 BTC creati nell’anno.

Ciò spingerebbe la fornitura totale di Bitcoin in circolazione a circa 19,078 milioni di BTC. Se a quel punto il prezzo di BTC fosse di $ 100.000, la sua capitalizzazione di mercato totale sarebbe di quasi $ 2 trilioni, in aumento del 128,50% rispetto alla valutazione di apertura dell’anno vicino a $ 875 miliardi.

Al contrario, un calo a $ 10.000 spingerebbe la capitalizzazione di mercato Bitcoin del totale dei token circolati a oltre $ 190 miliardi, in calo di $ 685 miliardi, o circa il 78%, dall’apertura di quest’anno.

Quindi la domanda più grande che viene in mente dopo aver esaminato queste previsioni sbalorditive è se sia anche possibile che Bitcoin si muova violentemente verso uno degli obiettivi sopra menzionati. A mio parere, la risposta è un GRANDE SÌ, principalmente perché  il prezzo di BTC è stato notoriamente volatile in passato.

Bassilo.it consiglia

Trading Demo con xtb

Bassilo.it

Una domanda da considerare è se gli investitori sono pronti o meno a iniettare quasi un trilione di dollari nel mercato Bitcoin nei prossimi sei mesi? Trenchev crede che potrebbero a causa del fattore “denaro a buon mercato”.

La svalutazione della valuta sovrana rimane un catalizzatore

Gli investitori avranno notato che la valutazione del dollaro USA è in ripresa negli ultimi tempi.

Un popolare indicatore economico, soprannominato ” indice del dollaro USA “, misura la forza del biglietto verde rispetto a un paniere ponderato di sei valute estere: l’euro (EUR), lo yen giapponese (JPY), la sterlina inglese (GBP), il dollaro canadese (CAD) , la corona svedese (SEK) e il franco svizzero (CHF) — sono aumentati di oltre il 7% a 96,22 l’anno scorso.

Vale anche la pena notare che la valutazione del dollaro è aumentata solo contro valute legali, ma contro le materie prime, il biglietto verde ha perso battaglia dopo battaglia .

Ad esempio, un recente rapporto del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti indica che i consumatori hanno pagato il 7% in più per gli articoli di uso quotidiano a dicembre 2021 rispetto a 12 mesi fa. In altre parole, l’inflazione nella più grande economia del mondo è salita a livelli mai visti prima del 1982.

Questo mostra che il dollaro non è altro che il miglior pugile debole su un ring in competizione con i sei pugili più deboli. Certo, il biglietto verde ha vinto round contro tutti loro, ma è anche scappato dalla concorrenza reale.

Parlando di concorrenza, confrontiamo il suo valore con un asset più scarso, l’ oro .

Quasi tutte le valute fiat hanno perso la loro lucentezza rispetto all’oro. Il grande elefante nella stanza è l’inflazione, che avvantaggia gli investitori che hanno accumulato il metallo prezioso – o qualsiasi equivalente di denaro duro – contro l’attuale tendenza ribassista di valute come il dollaro.

Attualmente, ci sono circa 40 trilioni di dollari che circolano tra i mercati , che include tutto il denaro fisico e il denaro depositato in risparmi e conti correnti. Nel frattempo, investimenti, derivati ​​e criptovalute superano i 1,3 trilioni di dollari.

Quindi sì, ci sono abbastanza biglietti verdi disponibili sul mercato per pompare il mercato Bitcoin di altri trilioni di dollari, in modo tale che il suo costo per unità salga a $ 100.000 nei prossimi sei mesi.

Perché BTC non ha già raggiunto $ 100.000?

Prima ancora di sostenere questa argomentazione, è più saggio guardare alla performance della capitalizzazione di mercato di Bitcoin nel corso degli anni.

Nel grafico temporale di sei mesi sopra, si può vedere che non c’è stato un solo caso in cui la capitalizzazione di mercato di Bitcoin sia aumentata di oltre $ 1 trilione. Allo stesso modo, non c’è stato un solo caso in cui la valutazione di mercato di Bitcoin sia scesa di oltre $ 190 miliardi in sei mesi, come richiesto in caso di un calo del prezzo di BTC a $ 10.000.

Nonostante non sia in aumento o in calo drasticamente, il mercato Bitcoin – secondo i dati storici – attira più capitale in quanto sputa, indicando perché il suo prezzo per unità è aumentato di oltre il 14.250% fino ad oggi da gennaio 2014.

Ora, tornando all’argomento del “perché non è successo”, sembra esserci una sola risposta: l’incertezza. E l’incertezza ha molti rami, che vanno dai problemi normativi ai timori che il mercato Bitcoin possa aver bisogno di una correzione dopo un rally di quasi due anni consecutivi.

Il “taper tantrum” della Fed sta influenzando la fiducia degli investitori

Il motivo più comunemente discusso del recente calo di Bitcoin da $ 69.000 a $ 34.000 è la decisione della Federal Reserve statunitense di terminare il suo programma di acquisto di asset da $ 120 miliardi al mese prima del previsto. Questo dovrebbe essere seguito da almeno tre rialzi dei tassi di interesse dai loro attuali livelli prossimi allo zero.

Queste politiche monetarie espansive hanno finito per iniettare circa $ 6,5 trilioni dal crollo del mercato globale indotto dal coronavirus nel marzo 2020. A causa dell’eccesso di liquidità, il valore del dollaro è diminuito mentre gli asset più rischiosi, incluso Bitcoin, sono diventati balisticamente rialzisti.

Secondo il fondatore di Crossborder Captial, Micheal Howell, i fondi in eccesso sul mercato “dovevano andare da qualche parte”.

Mentre la Fed allenta la sua politica di allentamento quantitativo per domare l’inflazione, rimuove efficacemente i dollari in eccesso dal mercato. E poiché i mercati – ipoteticamente – esauriscono la liquidità, la raccolgono vendendo i loro investimenti più redditizi, che si tratti di azioni, immobili, orologi Rolex o criptovalute.

Pertanto, i prossimi sei mesi potrebbero rivelarsi un’altalena tra chi ha bisogno di contanti e chi no. L’inflazione guidata dalla svalutazione del dollaro potrebbe impedire a molti investitori di vendere i propri asset, incluso Bitcoin. Ma con la disattivazione della presa di liquidità da parte della Fed, i mercati delle criptovalute potrebbero incontrare difficoltà nell’attirare nuovo denaro.

Questo lascia Bitcoin con investitori e aziende che hanno liquidità in eccesso nei loro tesori e hanno cercato di distribuirli in attività facilmente liquefabili.

Finora, Bitcoin ha attratto grandi nomi come Tesla , Square, MicroStrategy e altri. Quindi, naturalmente, ci vorrebbe almeno la volontà di una popolare azienda di Wall Street di aggiungere Bitcoin alla sua tesoreria per consentire la spinta di BTC verso $ 100.000.

In attesa del boom del commercio al dettaglio

Nel frattempo, mentre l’inflazione si insinua nella vita quotidiana delle persone, la loro probabilità di adottare asset per proteggere i propri risparmi potrebbe anche significare un vantaggio per il mercato Bitcoin. Ad esempio, l’ascesa di BTC a $ 69.000 l’anno scorso ha coinciso con un aumento senza precedenti dell’interesse al dettaglio, secondo un rapporto sugli investimenti in scala di grigi.

L’azienda statunitense ha intervistato 1.000 investitori e ha scoperto che il 59% era interessato a investire in Bitcoin. Nel frattempo, il 55% ha dichiarato di aver acquistato gli asset tra dicembre 2020 e dicembre 2021.

he si tratti di boom o bust, ecco cosa deve succedere

Se Bitcoin dovesse raggiungere i 100.000$ entro la fine di giugno 2022, ecco cosa dovrebbe succedere. 

  • L’offerta di moneta M2 rimane ai massimi storici.
  • I previsti aumenti dei tassi di interesse non riescono a mantenere l’inflazione al di sotto dell’obiettivo del 2% della Fed.
  • Il numero di portafogli Bitcoin diversi da zero continua a salire a nuovi massimi storici.
  • Sempre più aziende aggiungono BTC alle loro casse.

Nel frattempo, Bitcoin potrebbe crollare a $ 10.000 se:

  • Gli investitori a lungo termine decidono di scaricare Bitcoin per raccogliere denaro.
  • I problemi normativi e una forte correzione dei prezzi delle azioni pesano sui prezzi delle criptovalute.
  • Alcune manipolazioni di mercato impreviste o eventi del cigno nero hanno accumulato il prezzo di BTC come il flash crash di marzo 2020.

Fonte: cointelegraph

Bassilo.it consiglia

Corsi Trading XTB

Bassilo.it

Bassilo.it consiglia

Corsi Trading XTB

Bassilo.it