Dollaro sulla buona strada per forti guadagni trimestrali

Il dollaro USA è rimasto stabile nei primi scambi europei di venerdì, ma è sulla buona strada per forti guadagni trimestrali poiché gli operatori si aspettano che la Federal Reserve americana alzerà maggiormente i tassi di interesse quest’anno.

L’indice del dollaro, che replica la valuta rispetto a un paniere di altre sei valute, era leggermente inferiore a 102,980, ma è sulla buona strada per un guadagno dello 0,7% nel secondo trimestre.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell è stato abbastanza chiaro nelle ultime settimane, anche alla riunione annuale della Banca centrale europea in Portogallo all’inizio di questa settimana, che la Federal Reserve americana probabilmente riprenderà il suo aumento dei tassi di interesse dopo una pausa di un mese a giugno.

I dati rilasciati giovedì hanno mostrato che l’economia statunitense si è espansa molto più di quanto inizialmente previsto nel primo trimestre, mentre i dati sulle richieste di disoccupazione hanno mostrato che il mercato del lavoro è rimasto forte.

Le comunicazioni della banca centrale alla conferenza di Sintra in Portogallo questa settimana sono state piuttosto aggressive. “Il messaggio principale sembra essere che la bassa disoccupazione ha consentito alle economie di resistere relativamente bene a grandi cicli inflazionistici, il che significa che l’inflazione non è diminuita quanto previsto”, hanno affermato in una nota gli analisti di ING.

“Le aspettative di lunghezza e velocità di chiusura per i colpi gonfiati sono in fase di revisione. Questo è molto probabilmente fatto negli Stati Uniti, dove l’economia sembra andare meglio”.

L’attenzione è ora focalizzata più tardi venerdì sul rilascio dell’indice della spesa al consumo, la misura dell’inflazione preferita dalla banca centrale, che dovrebbe essere piatto a maggio rispetto al mese precedente, spingendo la banca centrale a mantenere alti i tassi di interesse per frenare l’inflazione .

Tornando in Europa, la coppia EUR/USD è salita dello 0,1% a 1,0874, prima del rilascio dell’IPC di giugno per l’intera zona euro. Questo dovrebbe scendere al 5,6% a giugno dal 6,1% di maggio, ma i prezzi al consumo tedeschi sono aumentati molto più del previsto a giugno, creando il potenziale per sorprese dovute al predominio dell’economia tedesca.

Fonte: Investing.com

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer