Ecco perché $ 39.000 è il prezzo più importante per Bitcoin

Mentre Bitcoin continua a negoziare nel famigerato rangebound tra $ 45.000 e $ 39.000, il mercato ha dovuto affrontare un nuovo record di volume on-chain. L’intervallo tra $ 38.000 e $ 39.000 ha raggiunto il livello più alto di volume on-chain a qualsiasi prezzo dai $ 3.400 per la prima criptovaluta, ed ecco perché è importante.

Concetto di valore equo

Nel corso della storia commerciale della prima criptovaluta, molti analisti ed esperti hanno discusso di quale sia il “prezzo equo” per “oro digitale”. A causa della sua natura volatile, era quasi impossibile determinare a quale valore i trader considerassero BTC  “equo”.

Con il volume on-chain che raggiunge il massimo storico di circa $ 39.000, possiamo presumere che la maggior parte del mercato, inclusi i trader e gli investitori a lungo termine e istituzionali, consideri il prezzo più equo per Bitcoin.

Perché il valore equo cambia?

Il motivo principale del costante cambiamento del valore equo di asset come Bitcoin  è l’immaturità dell’asset rispetto a materie prime come l’oro o valute come il dollaro degli Stati Uniti. Imparentato Bitcoin mostra una “forza divergente” contro il Nasdaq, afferma Mike McGlone di Bloomberg

Oltre a un valore equo in continua evoluzione, anche la volatilità di Bitcoin è un fattore importante, che diventa oggetto di cambiamento durante lo sviluppo del mercato. La volatilità media di Bitcoin è già notevolmente diminuita rispetto agli anni precedenti.

Il “vecchio fair value” per la criptovaluta, o il precedente punto di concentrazione del volume sulla catena, era di $ 3.432, con il 5,2% dell’offerta totale di Bitcoin spostata lì, che era considerato un valore equo prima della corsa al rialzo a $ 69.000.

Dopo il ritracciamento del mercato nel 2017, Bitcoin  ha infatti raggiunto i 3.400$, punto dell’inversione di lungo periodo che ha permesso all’oro digitale di raggiungere nuovi massimi nel 2021.

Fonte: u.today