Hubi Exchange è una fregatura o funziona davvero?

Hubi Exchange è una fregatura o funziona davvero?

Nel corso dei nostri articoli abbiamo parlato spesso degli exchange, oggi abbiamo deciso di approfondirne uno in particolare, Hubi Exchange.

Come ci avete fatto notare, solitamente le nostre guide sul trading criptovalute sono sempre state molto utili e vi hanno fornito recensioni per aiutarvi a determinare quale fosse il miglior approccio per i investimenti.

Trovare il miglior exchange di criptovalute è una missione molto difficile, ma con questa recensione di Hubi cercheremo di fornirvi le sue quattro caratteristiche principali, dandovi informazioni generali, nozioni su commissioni, metodi di deposito e sulla sicurezza del broker di trading.

Informazioni generali dell’Exchange Hubi

Hubi è un exchange di criptovaluta abbastanza innovativo e nasce ad Hong Kong, in Cina.

La prima volta è stato lanciato a giugno 2018, quindi possiamo dire che è piuttosto nuovo, pensate che è sul mercato da solo un anno.

A partire dalla sua data di lancio su questo Exchange ci sono stati davvero tantissimi scambi, in primis ad Hong Kong.

Diciamo che Hong Kong è viene considerato un po’ La Mecca del trading di criptovalute, in Cina infatti è diffusissimo.

Hubi è un Exchange che ha diversi vantaggi grazie alla sua piattaforma di trading e al suo sito Web ufficiale, fra queste:

  • Elevato livello di liquidità;
  • Affidabilità del sistema;
  • Servizi esclusivi per gli utenti;
  • Metodi di transazione molto differenti fra loro;
  • Numerose garanzie di sicurezza;
  • Alto livello di convenienza;
  • Velocità estrema.

A detta nostra non ci sono altre informazioni migliori per poter scegliere un exchange al quale affidarsi.
Aggiungiamo inoltre che offrono di recente un supporto disponibile per 24 ore su 24, 7 giorni su 7, è sempre molto utile avere una assistenza costante nelle proprie operazioni.

Bassilo.it consiglia

Considerate che il cryptotrading è di natura globale e che ovviamente i trader commerciano ad ogni ora del giorno, per cui questo è sicuramente un punto a favore.

Hubi è un Exchange broker con vista commerciale ampia?

Beh sicuramente si, considerato che Hubi e la vendita di Crypto negli Stati Uniti è stata una tematica molto trattata.

Hubi attualmente non elenca gli Stati Uniti come un “paese proibito” nel quale è impedito commerciare, anzi.
E’ molto utile sapere che anche un imprenditore statunitense può utilizzare questo Exchange senza alcun problema.

Ovviamente ci sono scambi diversi disponibile in ogni paese, perché ognuno ha la sua visione di trading.

In realtà poi non è che esista una visione migliore per tutti, dipende sempre da su cosa e quanto si decide di investire.

Dovreste determinare voi stessi qual è il miglior metodo, anche in base alle vostre finanze.

Comunque sia le opinioni che abbiamo raccolto su Hubi sono piuttosto positive, per ogni paese tutti il ​​book degli ordini delle criptovalute, un grafico dei prezzi della criptovaluta che avete scelto e la cronologia degli ordini che effettuate.

Normalmente ci sono opzioni di acquisto e vendita e prima di procedere, vi consigliamo sempre di dare uno sguardo ai grafici, facendo un’accurata analisi per non cadere in qualche tranello di mercato.

Hubi è disponibile per smartphone e Tablet?

Assolutamente si, Hubi è disponibile proprio come app nel vostro smartphone o tablet.

E’ sicuramente un’alternativa utile per tutti gli investitori interessati al trading quando si è in vacanza o si è in giro, senza aver a portata di mano il proprio computer.

Per altro, le informazioni che abbiamo raccolto, mostrano che la maggior parte degli scambi di criptovaluta vengono eseguiti da computer, per un discorso soprattutto di visuale.

Ma nel caso in cui vogliate monitorare qualcosa, l’applicazione Hubi vi sarà utile, sia che abbiate un iPhone o un iPad con iOS, che un sistema Android.

L’Exchange Hubi addebita commissioni?

Sicuramente questo è un aspetto da non sottovalutare, perché ogni volta che effettuate un ordine, vi verrà automaticamente addebitata la commissione di negoziazione.
La commissione è una piccola percentuale del valore del vostro ordine sulla broker di criptovalute.

Molto spesso si sente che sulle applicazioni vengono addebitate delle commissioni in base a fattori esterni, che non si riescono mai a decifrare.

Nel caso di Hubi è possibile anche calcolare una sorta di commissione “flat”, commissione forfettaria che addebita sia al venditore che al compratore la medesima commissione.

In questo caso non ci sono commissioni tra produttore e acquirente ma viene considerato uno 0,20% del valore dell’ordine totale che è stato aperto.

Solitamente 0,20% è in linea con i prezzi attuali degli Exchange di Criptovalute, anche se molti optano per lo 0,25%.

Hubi è uno di quegli Exchange che sta provando ad andare in contro al cliente, applicando commissioni più basse e si vocifera che i prossimi traguardi saranno addirittura 0,10% o 0,15%.

Addebita Commissioni anche sui prelievi?

Diciamo che Hubi normalmente addebita un piccolo importo anche sui prelievi perché quelli delle commissioni sono gli unici guadagni di Hubi.
Hubi di solito addebita 0,001 BTC quando si tratta di prelevare dei Bitcoin.

Tutto questo è in linea o leggermente inferiore alle commissioni di prelievo che vengono addebitate nel settore globale.

Di solito di si aggira attorno ai 0.000800/0.001000 BTC per ogni singolo prelievo effettuato in Bitcoin.

Tutto sommato non possiamo assolutamente dire che queste commissioni siano alte, per quel che offre l’exchange ci sembrano cifre oneste.

Quali metodi di deposito usare con Hubi?

Hubi è uno dei pochi Exchange che non accetta dei metodi di deposito all’infuori delle criptovalute stesse, per cui chi è un investitore novello di criptovalute, non può assolutamente negoziare qui, perché non saprebbe cosa versare una volta che si iscrive.

Se sei un investiore nuovo che non possiede ancora alcuna cripto e desideri iniziare a fare trading criptovalute su Hubi, ti consigliamo in primis di acquistare cripto in un altro Exchange e poi spostarle su Hubi.

Adottando questa soluzione non avrai sicuramente alcun problema.

Hubi è un exchange sicuro?

Hubi è sicuramente un Exchange sicuro, non possiamo dire che uno dei più sicuri del web, perché comunque non possiede ad esempio le regolamentazioni che ha Therocktrading, non essendo nato nel nostro paese ne ha sicuramente altre molto importanti.

Possiamo confermarvi che in termini di funzionalità e sicurezza batte moltissimi exchange comuni che sicuramente conoscete e sono molto più famosi di questo.

Conclusioni: conviene provarlo o no?

Esistono molti Exchange di cripto sul web e fate molta attenzione quando ne scegliete uno, ma soprattutto assicuratevi che abbia delle caratteristiche specifiche che siano ideali per il vostro metodo di investimento.

Non possiamo dire che non vale la pena provarlo.

Per altro, anche chi è alle prime anni, può intuire in modo semplice come funziona, senza trovare grosse difficoltà.

Noi ci auguriamo che la recensione di oggi vi sia di aiuto per trovare un luogo sicuro per le vostre cripto ma soprattutto per scambiarle senza rischiare dei furti, come spesso accade del crypto trading.
Se avete domande a riguardo, vi consigliamo di contattarci sui Social e nei commenti qui in basso.

Lascia un Commento

Bassilo.it consiglia