I prezzi del petrolio in discesa ; i produttori delineano i futuri livelli di produzione

Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi, restituendo parte dei forti guadagni della scorsa settimana, ma sono rimasti vicini ai massimi di tre settimane sulle aspettative che i principali produttori manterranno le scorte limitate.

Alle 05:05 ET (09:05 GMT), i futures del greggio statunitense sono scesi dello 0,2% a 85,42 dollari al barile, mentre i futures del greggio Brent sono scesi dello 0,2% a 88,42 dollari.

Entrambi i contratti hanno chiuso la scorsa settimana ai livelli più alti in più di sei mesi, con il contratto Brent in rialzo di quasi il 5% per la settimana e il contratto WTI in rialzo di oltre il 6%, contribuendo a bilanciare un risultato molto più alto del previsto. nelle azioni statunitensi.

Lunedì i volumi sono stabili, con gli Stati Uniti in vacanza, e gli operatori sembrano aver ottenuto alcuni guadagni in attesa di notizie sui livelli di produzione attesi da alcuni dei maggiori produttori mondiali.

Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha dichiarato alla fine della scorsa settimana che Mosca ha raggiunto un nuovo accordo con le sue controparti dell’OPEC per ridurre ulteriormente le forniture e che delineerà ulteriori tagli alla produzione questa settimana.

Ancora più importante, si prevede che l’Arabia Saudita, il capo de facto dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, annuncerà presto la sua decisione di estendere un taglio volontario della produzione di 1 milione di barili al giorno fino a ottobre.

“Crediamo che i sauditi probabilmente rinvieranno il taglio fino a ottobre perché non vogliono esercitare alcuna pressione al ribasso sul mercato petrolifero, anche se in linea di principio il mercato dovrebbe essere in grado di assorbire il rendimento di questi barili a causa del grande deficit previsto. “, si legge in una nota degli analisti di ING.

Ad aiutare il rally della scorsa settimana è stata la notizia che, nonostante l’aumento dei salariati non agricoli negli Stati Uniti in agosto più del previsto, il tasso di disoccupazione è aumentato e la crescita dei salari si è stabilizzata. Ciò suggerisce che la Banca Centrale non limiterà ulteriormente l’economia aumentando i tassi di interesse questo mese.

Inoltre, i dati PMI hanno mostrato che il commercio nella più grande economia mondiale è rimasto forte, alimentando le speranze che la domanda di petrolio rimarrà relativamente forte nonostante la flessione stagionale.

Anche se è improbabile che i dati pubblicati dagli Stati Uniti questa settimana cambino il quadro in modo significativo, diversi relatori della Fed la prossima settimana, tra cui il presidente della Fed di Dallas Lorie Logan, parleranno mercoledì.

In Cina, l’attività manifatturiera è aumentata inaspettatamente ad agosto, come hanno dimostrato i dati dell’indagine PMI manifatturiera Caixin, allentando il pessimismo sulla salute economica del più grande importatore di petrolio del mondo.

I dati sul commercio cinese saranno attesi giovedì e gli operatori cercheranno segnali di aumento della domanda di petrolio greggio come segno di un’economia in crescita. Altrove, gli ultimi dati sulla posizione mostrano che gli speculatori hanno ridotto le loro posizioni lunghe nette in ICE Brent di 15.544 azioni nell’ultima settimana riportata, lasciando una posizione lunga netta di 202.227 azioni a partire da martedì scorso.

“Tuttavia, considerato il movimento del mercato da allora, insieme all’aumento dell’open interest, è probabile che la speculazione reale netta sia aumentata da molto tempo”, ha aggiunto ING.

Fonte: Investing.com

Vuoi investire in titoli azionari di materie prime? eToro è la piattaforma che fa per te. Su eToro potrai comprare azioni o titoli sottostanti per fare trading CFD. eToro è un broker leader nel settore del trading online, le operazioni vengono eseguite con la massima trasparenza con basse commissioni.

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer