LedgerX sostituisce Silvergate e consiglia agli utenti Signature Bank

LedgerX avrebbe tagliato i ponti con Silvergate e consigliato agli utenti di trattare con Signature Bank. Secondo quanto riferito, LedgerX ,  scambio di derivati ​​​​di criptovaluta e sussidiaria del gigante crollato FTX , cesserà la sua partnership con Silvergate Bank.

Secondo una copertura di Bloomberg, LedgerX si è differenziato dall’istituto finanziario in difficoltà incentrato sulle criptovalute, Silvergate Bank. Ha consigliato ai clienti di astenersi dall’utilizzarlo per ricevere bonifici dal 1° marzo.

LedgerX raddoppierà la sua partnership esistente con Signature Bank, dicendo ai clienti di impiegare quest’ultima per tali servizi. Signature Bank ha dichiarato che ridurrà la sua esposizione nel settore delle criptovalute alla fine del 2022, ma non del tutto. All’inizio di quest’anno ha cessato di condurre transazioni da fiat a criptovaluta per un valore inferiore a $ 100.000 per Binance.

LedgerX è tra le poche entità sopravvissute sotto l’ombrello del colosso in bancarotta FTX. Ha ottenuto l’approvazione dalla Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti ed è stato acquistato da FTX US nell’ottobre 2021. LedgerX ha persino cercato di registrarsi presso la CFTC, ma ha ritirato le sue intenzioni poco dopo la discesa dell’idea di SBF.

L’ exchange ha attirato l’attenzione di diversi protagonisti del settore che potrebbero essere interessati al suo acquisto, tra cui Gemini e Blockchain.com. Le offerte iniziali erano previste per il 25 gennaio, mentre l’asta finale è prevista per il 7 marzo.

La frenetica fine del 2022, evidenziata dal fallimento di FTX a novembre, ha innescato una massiccia perdita di $ 1 miliardo per Silvergate Capital (la società madre di Silvergate Bank) nel quarto trimestre.

Ha visto anche un calo dei clienti di criptovaluta: da 1.677 il 30 settembre 2022, a 1.620 alla fine di dicembre. Un altro fattore principale che ha spiegato i problemi di Silvergate è stata la sua esposizione di $ 20 milioni a BlockFi.

La banca legata alle criptovalute ha iniziato l’anno con il piede sbagliato, licenziando circa il 40% del suo personale e abbandonando diversi progetti.

Inoltre, i senatori statunitensi Elizabeth Warren, Roger Marshall e John Kennedy sospettavano che Silvergate fosse a conoscenza della presunta frode FTX.

“Sia il Congresso che il pubblico hanno bisogno e meritano le informazioni necessarie per comprendere il ruolo di Silvergate nel crollo fraudolento di FTX, in particolare dato il fatto che Silvergate si è rivolta alla Federal Home Loan Bank come prestatore di ultima istanza nel 2022”, hanno affermato i politici all’epoca .

Fonte: Cryptopotato.com

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer