L’ESMA annuncia le nuove regole riguardanti le opzioni binarie, i CFD

Le misure sono state pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (GU) oggi. Si inizierà ad applicare le nuove regole dal 2 luglio 2018 per le opzioni binarie e dal 1 agosto 2018 per i CFD.

Di conseguenza:

Dal 2 luglio 2018, viene introdotto un divieto di commercializzazione, distribuzione o vendita di opzioni binarie per gli investitori al dettaglio.
A partire dal 1 agosto 2018, viene introdotta una restrizione al marketing, alla distribuzione o alla vendita di CFD agli investitori al dettaglio. Questa limitazione consiste in: sfruttare i limiti delle posizioni di apertura; una regola di chiusura del margine su base per account; una protezione del saldo negativo su base account; impedire l’uso di incentivi da parte di un fornitore di CFD; e un avviso di rischio specifico per azienda consegnato in modo standardizzato.
In particolare, i limiti di leva sull’apertura di una posizione CFD da parte di un cliente al dettaglio variano da 30: 1 a 2: 1, in base alla volatilità del sottostante:

· 30: 1 per le principali coppie di valute;

· 20: 1 per le coppie di valute non principali, l’oro e gli indici principali;

· 10: 1 per le materie prime diverse dall’oro e dagli indici azionari non importanti;

· 5: 1 per le singole azioni e altri valori di riferimento;

· 2: 1 per criptovalute;

La regola di chiusura del margine si applicherà su base account. Questo standardizzerà la percentuale di margine (al 50% del margine minimo richiesto) a cui i fornitori sono tenuti a chiudere uno o più CFD aperti del cliente al dettaglio.

La protezione del saldo negativo verrà implementata anche in base al conto. Ciò fornirà un limite globale garantito per le perdite dei clienti al dettaglio.

Ci sarà anche una restrizione agli incentivi offerti per negoziare i CFD, nonché un avvertimento di rischio standardizzato, inclusa la percentuale di perdite sui conti degli investitori al dettaglio del fornitore di CFD.

Le misure resteranno in vigore per un periodo di tre mesi dalla data di applicazione.

Fonte: financefeeds.com