L’obiettivo di $ 100.000 di Bitcoin in corso nonostante il divieto della Cina, afferma l’amministratore delegato F. Grummes

Florian Grummes, amministratore delegato della società di consulenza finanziaria Midas Touch Consulting, ha sostenuto che, nonostante la correzione di Bitcoin dopo il divieto cinese sul commercio di criptovalute , l’asset digitale numero uno in classifica raggiungerà comunque i 100.000 dollari.

Bassilo.it consiglia

Trading Demo eToro

Bassilo.it

Bassilo.it consiglia

Trading Demo con eToro

Bassilo.it

Parlando con Kitco News, Grummes ha riconosciuto che determinare quando Bitcoin raggiungerà il livello dei prezzi è una sfida nell’ambiente attuale. Inizialmente, Grummes aveva previsto che Bitcoin sarebbe stato scambiato a $ 100.000, ma ha avvertito di possibili pullback lungo la strada.

Secondo Grummes, il mercato è in preda al panico in questo momento, e una volta finito, Bitcoin aumenterà di nuovo. È interessante notare che Grummes ha citato l’attività della banca centrale come una delle ragioni del possibile aumento di Bitcoin verso $ 100.000.

“Sì. Può ($ 100.000) perché penso che in questo momento ho la testa nuda in questo momento a causa delle cose che stanno accadendo in Cina, ma credo che in uno schema più ampio, siamo ancora nel boom dei cracker[…] vedranno i banchieri centrali farsi prendere dal panico ed espandere i loro bilanci in modo ancora più drammatico, e forse anche ottenere diritti speciali di prelievo. E penso che per tutti l’inflazione sia inarrestabile ora e devi correre con tutto ciò che hai in beni materiali, e significa solo metalli preziosi. Una volta terminata questa correzione in Bitcoin, sono abbastanza sicuro che vedremo $ 100.000”, ha detto Grummes.

Più persone per versare denaro nelle criptovalute

Il direttore ha anche suggerito che una volta che le persone si accorgono che le banche centrali rappresentano un rischio con le iniziative prese, potrebbero imbattersi in Bitcoin. La mossa potrebbe potenzialmente far salire i prezzi.

Tuttavia, ha osservato che il pieno impatto del divieto potrebbe essere visto in seguito perché le autorità sembrano essere serie questa volta.

Grummes ha affermato che i precedenti divieti non hanno avuto successo poiché Bitcoin è sempre riuscito a riprendersi dalle correzioni avviate dalle autorità. Ha citato il divieto di mining che ha visto Bitcoin crollare di quasi il 50% dal massimo storico di quasi $ 65.000.

Tuttavia, l’asset è riuscito a riprendersi, scambiando a oltre $ 50.000 all’inizio di settembre.

“La Cina controlla il settore finanziario”

Sulle possibili ragioni alla base del divieto, Grummes ritiene che il governo cinese sia contrario all’uscita di denaro dal paese. Nota che il governo sta tentando di avere il pieno controllo del settore finanziario.

Con Bitcoin che ha mostrato segni di ripresa a settembre, l’asset è stato corretto in seguito alla mossa dalla Cina. In particolare, sulla scia della notizia, il mercato ha perso quasi 100 miliardi di dollari in pochi minuti.

In particolare, gli opinion leader del settore finanziario ritengono che la regolamentazione cinese sulle criptovalute non avrà un impatto complessivo. Ad esempio, secondo Seamus Donoghue, VP di Strategic Alliances presso METACO, la mossa della Cina non avrà un impatto drastico sul più ampio mercato delle risorse digitali .

Bassilo.it consiglia

Trading Demo con xtb

Bassilo.it

Nota che la posizione della Cina non significa necessariamente che ci sarà alcun divieto di detenere posizioni in asset crittografici.

Al momento della stampa, Bitcoin è scambiato a $ 47.600 guadagnando quasi l’8% negli ultimi sette giorni.

Fonte; finbold

Bassilo.it consiglia

Corsi Trading XTB

Bassilo.it

Bassilo.it consiglia

Corsi Trading XTB

Bassilo.it

Lascia un Commento