L’oro scende al minimo di oltre 3 mesi mentre i trader attendono il discorso di Powell

I prezzi dell’oro sono saliti a un minimo triplo mercoledì dopo che una raffica di acquazzoni ha alimentato le aspettative di ulteriori rialzi dei tassi per l’anno si attende il discorso al Policy Committee del presidente della Federal Reserve Jerome Powell.

L’oro spot è sceso dello 0,3% a 1.908,33 dollari l’oncia alle 0946 GMT, toccando il livello più basso da metà marzo all’inizio della sessione. I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,3% a $ 1.917,40.

“I buoni dati economici dagli Stati Uniti rimangono una preoccupazione per il metallo giallo, poiché è probabile che i funzionari della Fed continuino a ripetere un tono da falco”, ha detto l’analista di UBS Giovanni Staunovo.

La fiducia dei consumatori statunitensi è salita al livello più alto da quasi 1,5 anni a giugno, grazie al rinnovato ottimismo nel mercato del lavoro, mentre la spesa delle imprese è sembrata stabile a maggio, suggerendo che l’economia è su basi solide nonostante i timori di una recessione.

L’attenzione degli investitori si è concentrata sul discorso di Powell al Policy Committee questa sera prima della riunione della Banca Centrale Europea in Portogallo. La Federal Reserve statunitense ha indicato questo mese che potrebbe dover ancora aumentare i costi di indebitamento fino a mezzo punto percentuale prima della fine di quest’anno.

“(Ma) prevediamo ancora che una stretta monetaria aggressiva indebolisca i dati economici degli Stati Uniti a un certo punto e porti a un cambio di tono da parte della Fed”, ha aggiunto Staunovo.

Gli alti tassi di interesse scoraggiano i trader dall’investire in oro non redditizio.

“Abbiamo visto segnali crescenti che gli Stati Uniti potrebbero scivolare in una vera e propria recessione… La nostra previsione vede l’oro cadere più vicino a $ 1.850 quest’anno su questa ipotesi, e che i tassi di interesse potrebbero rimanere più alti per un po’ più di quanto previsto dai mercati “, ha affermato Harshal Barot, consulente senior di Metals Focus.

L’indice del dollaro è salito dello 0,1%, rendendo l’oro meno attraente per gli acquirenti stranieri.

Tra gli altri metalli, l’argento è sceso dello 0,6% a 22,74 dollari l’oncia, il platino è sceso dello 0,8% a 917,30 dollari e il palladio è sceso del 2,5% a 1.263,98 dollari.

Fonte: Reuters.com

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer