impulsività opzioni binarie

Opzioni binarie: l’Impulsività

 

[mkdf_dropcaps type=”square” color=”” background_color=”#12051″]![/mkdf_dropcaps] ATTENZIONE: Dal 2/07/2018 ESMA vieta ufficialmente le opzioni binarie in Italia e in tutti i paesi CE.
Tutti gli articoli presenti del nostro sito che trattano le “opzioni binarie” sono solo a scopo informativo.

 

[tw_divider type=”space” height=”20″]

Opzioni binarie: l’Impulsività

 

Ci sono tanti piccoli risvolti di carattere psicologico che a volte possono compromettere l’esito di una qualsiasi attività finanziaria.

Una delle prime cose da imparare quando facciamo trading online, prima ancora di apprendere strategie e tecniche operative, è quella relativa al controllo degli stati d’animo, di abituarsi, cioè, a gestire le proprie emozioni, prima, durante e dopo un trade, e non farsi travolgere dagli eventi, positivi o negativi che siano.

Questo è quello che un traders di successo fa costantemente, al pari di un qualsiasi atleta, e che incide considerevolmente sul nostro “tabellino”.

Una sorta di trading autogeno, psicologi di noi stessi, al fine di assumere un atteggiamento meno impulsivo e più distaccato, indipendentemente dal momento di trade che stiamo vivendo.

Capita spesso, infatti, che in base all’esito del trading, ci troviamo nella situazione di dover gestire due stati d’animo differenti, uno in conseguenza di operazioni vincenti, l’altro come inevitabile conseguenza di operazioni chiuse in perdita.

Quello che succede, spesso senza rendercene conto, è di farci dettare comportamenti ed azioni di trading dagli stati d’animo del momento; da una parte esaltazione ed eccessiva euforia, dall’altra angoscia e conseguente caduta nel panico.

Entrambi le situazioni capitano molto più spesso di quanto possiamo pensare, e un buon mdo per non farsi influenzare è quello di imparare a conoscerle e saperle gestire.

[tw_divider type=”space” height=”20″]

Atteggiamento post Vincita: “Euforia in the money”

 

Il più comune degli stati d’animo che può investire un giovane traders, è quello relativo ad un eccesso di euforia come conseguenza di operazioni di trading chiuse “In the Money”, cioè chiuse vincenti.

Questo genere di stato d’animo, nella pratica, è molto frequente, e si manifesta, generalmente, prima o dopo una sessione di trading, in particolare quando la sessione appena terminata ha dato buon esito.

Lo stato emotivo conseguente al buon esito di una operazione di trading, spesso, ci porta ad assumere un atteggiamento spavaldo, che ci fa perdere di vista la realtà delle cose e muoverci impulsivamente verso l’operazione di trading successiva, senza una valutazione obiettiva ed approfondita, spinti più dal nostro sentimento di euforico, che non da oggettive condizioni di mercato o indicazioni di trading inequivocabili.

Insomma, l’euforia, a volte, si può rivelare più pericolosa e dannosa che non di uno stato d’animo di paura, il quale ci suggerisce di sottrarci dal trading.

Questo perchè, come vedremo, chi investe in preda alla paura di continuare a perdere, quantomeno si pone un limite, a differenza, invece, di chi agisce sotto la spinta emotiva dell’esaltazione, la quale porta a compiere trading binario senza logica e senza strategie adeguate.

[tw_divider type=”space” height=”20″]

Atteggiamento post Perdita: “Paura e Rivalsa”

 

Il traders che chiude in perdita una o più operazioni, potrebbe trovarsi nella difficile situazione di dover fronteggiare due stati d’animo differenti, entrambi riconducibili alla stessa causa: la paura e l’istinto di rivalsa.
Siamo appena usciti perdenti da una sessione di trading, e, purtroppo per noi, il nostro stato d’animo ne risente particolarmente.

Siamo demoralizzati e delusi, il più delle volte colti dal panico e dalla paura di continuare in questo trend negativo, altre volte, invece, non accettiamo la sconfitta e continuiamo ad investire con l’unico obiettivo di rientrare in possesso dei soldi persi fino a quel momento.

Come comportarci in situazioni simili?

La prima considerazione da fare è quella di verificare la presenza o meno delle condizioni di mercato che ci hanno spinto ad intraprendere la sessione attuale di trading.

Verifichiamo la persistenza o il delinearsi di nuovi segnali di trading, controlliamo gli indicatori di tendenza, valutiamo le nostre risorse economiche, e quant’altro.

Soltanto dopo aver stabilito ciò, e con la dovuta calma e obiettività, prendiamo una decisione circa la possibilità di sospendere momentaneamente, oppure continuare nel trading.

Se decidiamo di continuare è solo perchè persistono le condizioni di mercato ottimali per farlo, e non perchè spinti dallo spirito di rivalsa.

[tw_divider type=”space” height=”20″]

Paura

 

Sulla base di quanto appena detto, e in linea con un principio generale che vuole la paura come uno stato d’animo dal quale si può trarne vantaggio, non lasciamoci influenzare, ed impariamo a controllarla per coglierne gli aspetti positivi.

La paura nel trading binario porta a limitare le perdite, questo è vero, ma spesso non ci fa vedere la realtà oggettiva delle cose e ci suggerisce comportamenti sbagliati.

Come nel caso, per esempio, di chi chiude una sessione perchè in preda alla paura, ma non si accorge che il mercato sta fornendo chiari indizi circa il suo trend.

[tw_divider type=”space” height=”20″]

Istinto di rivalsa

 

Questo è l’altra faccia della medaglia, è il classico comportamento di chi, dopo aver perso una o più operazioni di trading, decide di investire alla rinfusa con il solo obiettivo dii rientrare delle somme di denaro perse.

Unico risultato di chi assume questo atteggiamento, o meglio di chi si fa prevalere da questo stato d’animo, è quello di uscire sconfitto e perdente in tutti i sensi.

Non vi è, infatti, atteggiamento più sbagliato di chi agisce sui mercati finanziari senza una regola di condotta precisa, che non sia, cioè, frutto di una strategia di trading adeguata, o che sia un’indicazione di trend chiara.

Chi agisce sotto impulso emotivo, per paura o per rifarsi, è destinato all’insuccesso.