HomePrevisioni Forex Euro Dollaro: Analisi Tecnica e andamento EUR USDPrevisione EUR / USD 15-19 Ottobre 2018 – Quale sarà la direzione di EUR?

Previsione EUR / USD 15-19 Ottobre 2018 – Quale sarà la direzione di EUR?

EUR-USD-previsione-15-18-ottobre-2018

La coppia EUR/USD ha raggiunto nuovi minimi settimanali, ma si è ripresa piuttosto velocemente stabilizzandosi, come potete vedere nel grafico.

Se volete sapere quali saranno i prossimi movimenti, per cui, la prossima previsione EUR/USD, leggete l’articolo.

Un sondaggio tedesco afferma che la Brexit potrebbe avere un impatto importante sulle previsioni.

Le azioni sono crollate del tutto durante questa settimana, nonostante ciò la coppia EUR USD è rimasta più o meno stabile. Le cifre dell’inflazione degli Stati Uniti hanno fatto scendere il dollaro americano.

Per quanto riguarda l’eurozona la produzione industriale ha superato le aspettative con l’Italia che rimane fra i primi posti.

Alcuni dati della nostra previsione EUR / USD

  • Prezzi di importazione della Germania: martedì, 6:00. I prezzi delle merci e dei prodotti importati hanno un impatto importante sui prezzi al consumo. Dopo tre mesi di continuoi rialzo, i prezzi importati deludono le aspettative ad Agosto calando dello 0,2%. Si prevedere un piccolo aumento dello 0,1%;
  • Saldo commerciale: martedì, 9:00. Il volume delle esportazioni tedesche è molto alto. C’è un surplus che è stato calpestato nell’ultimo periodo, raggiungendo quasi 13 miliardi di euro nel mese di luglio. E’ previsto un surplus di 15 miliardi;
  • Sentimento economico Germania ZEW: martedì, 9:00. L’indagine complessiva è migliorata a settembre, ma rimaniamo in territorio negativo, i dati equivalgono a -10,6 punti. Ora si prevede una nuova discesa: -12,3 punti. Il provvedimento europeo però misura le aspettative, citando una riduzione che va da -7,2 punti a -9,2;
  • CPI finale: mercoledì, 9:00. I dati iniziali sull’inflazione del mese passato hanno mostrato che rimane tutto nella norma al 2,1%. Dobbiamo dire però che è scesa allo 0,9%, pesando leggermente sull’euro. Le cifre future confermeranno quasi sicuramente i dati preliminari;
  • Le dichiarazioni di Jens Weidmann: mercoledì prossimo il presidente della banca centrale tedesca a Berlino. Weidmann era considerato un candidato principale per sostituire Mario Draghi alla guida della BCE, in ogni caso, rimane una figura molto importante;
  • WPI Germania: giovedì, 6:00. I prezzi all’ingrosso raggiungeranno i consumatori. Sono aumentati dello 0,3% nel mese di Agosto e adesso dovrebbero correre e aumentare dello 0,4%. L’aumento dell’inflazione nel territorio tedesco potrebbe spingere la Banca Centrale Europea verso una politica monetaria molto più aggressiva rispetto alla precedente;
  • Il vertice dell’UE sulla Brexit: Giovedi. I leader dell’Unione Europea si stanno riunendo per un summit, compresa la Gran Bretagna, per parlare della Brexit, che sembra essere al centro degli ultimi problemi. Raggiungere un accordo Brexit sarebbe ottimale per ripristinare la normalità. La questione più ostica è quella del confine con l’Irlanda, riguardante il regime doganale. Un’opzione possibile sarebbe inserire nell’Irlanda del Nord un regime doganale separato. Nonostante questo, l’idea è contrastata dal DUP che porta porta avanti un’idea ben precisa, sostiene che il governo britannico è basato in un accordo. La Brexit manderebbe la sterlina più in alto e anche l’euro inizierebbe ad ottenere qualche risultato apprezzato. Anche se è più probabile che l’Unione Europea e il Regno Unito stabiliscano una nuova scadenza fissata per il mese di novembre. Sarebbe valida anche l’opzione di un secondo referendum. In base a questi dati, ci sentiamo di dire che la volatilità in queste giornate sarà molto alta;
  • Conto corrente: venerdì, 8:00. L’area dell’euro gode di un surplus molto alto, sui 21,3 miliardi di euro. Il prossimo step si presume che saranno i 21,4 miliardi.

Analisi tecnica EUR / USD

L’Euro Dollaro inizia la settimana toccando nuovi minimi fissati a 1,1422, per poi recuperare alla resistenza (1,1615).

Ecco a voi delle linee tecniche dall’alto verso il basso.

1.1915 era il punto più basso, questo dato rimane rilevante. 1.1850 è stato il picco che ha raggiunto il 14 giugno, prima delle parole di Draghi che hanno portato drasticamente giù l’Euro.

1.1815 è stato il massimo raggiunto a Settembre e a 1.1750 per la coppia rimane un livello potente.

1.1720 è una linea che ha funzionato bene in entrambe le direzioni. 1.1650 è stato un intervallo che poi è stato seguito da 1.1615.

1.1570 è stato il punto più basso anche se a fine Settembre ha raggiunto 1.1530, rendendo questa una linea importante.

1,1460 è stato il punto più basso nel mese di ottobre.

1,1222 è il punto più basso fissato a metà ottobre.

1.1365 ha ammortizzato il calo drastico di EUR / USD durante la discesa.

1.1300 è un numero di metà agosto che ha tra l’altro tenuto la coppia in calo un anno e mezzo fa.

La previsione EUR/USD dei nostri Analisti

Anche questa settimana siamo ribassisti su EUR/USD.

L’Italia rimane molto frenata dell’Eurozona mentre iniziamo a considerare il dollaro come una valuta di rifugio. Questa divergenza monetaria è molto probabile che peserà molto sulla coppia.



Apri un Conto Demo







FOLLOW US ON:
Grafico e cambio Eur
Previsione EUR / USD

info@bassilo.it

Il Team di Bassilo.it è formato da Analisti Finanziari - Trader, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari, appassionati di trading e informatica.

Vota questo Articolo:
NESSUN COMMENTO

Sorry, the comment form is closed at this time.

Conto Demo Trading Gratis