Può risolvere la tecnologia blockchain la debacle della proprietà sull’arte generata dall’IA?

Il Web3 e le nuove tecnologie hanno ampliato i confini della distribuzione artistica, della proprietà e del coinvolgimento dei fan. Tuttavia, la comunità artistica non è contenta degli ultimi sviluppi, soprattutto quando si tratta di intelligenza artificiale (AI).

Di recente, l’arte dell’intelligenza artificiale ha scatenato un diffuso dibattito sulla proprietà dopo che un’app per smartphone che creava ritratti di intelligenza artificiale è diventata virale.

Il dibattito sui diritti di proprietà intellettuale è simile a quello nell’industria cinematografica e musicale. I creatori della nuova tecnologia, tuttavia, affermano che la tecnologia blockchain può fornire un ambiente per artisti e contenuti creati dall’intelligenza artificiale.

Cointelegraph ha parlato con il CEO di Vermillion, Dan Neely, per capire meglio come affrontare questi problemi in futuro. Vermillion è una comprovata piattaforma AI che unifica la proprietà. Secondo Neely, l’autenticazione AI introdurrà un sistema di verifica automatico e pubblico. In questo caso, chiunque può dimostrare la proprietà e la provenienza invece di più fonti esterne.

“Questo è importante non solo perché i creatori devono dimostrare che determinati contenuti appartengono a loro, ma anche perché devono giustificare l’uso delle loro opere digitali”.

Questo è simile ai social media nei contenuti generati dall’intelligenza artificiale. Un artista ha scritto un thread di sei tweet contro gli artisti del movimento AI, definendolo “sfruttamento”.
Neely afferma che l’arte creata dall’IA generativa non dovrebbe minacciare l’arte originale, ma piuttosto coesistere. Invece, si è detto che l’uso di risorse diverse per l’arte pubblica da parte degli esseri umani e l’arte generale da parte delle macchine. Lo stesso tratto caratteriale e autenticità è vero.

Che si tratti della lotta o delle conseguenze del momento, Neely crede che gli elementi creativi del settore siano a un bivio di scelta. Gli annunci devono tollerare siti di IA di terza generazione non autorizzati o utilizzare nuovi strumenti come la blockchain.

Secondo Neely, “le tecnologie, tra cui l’intelligenza artificiale e la blockchain, sono efficaci fornendo agli acquirenti di terze parti l’accesso a una firma tecnica autorizzata dei dati di addestramento che è stata verificata digitalmente dall’autore”.

L’intelligenza artificiale autenticata può essere uno degli strumenti più importanti per i creatori di contenuti per portare ordine e giustizia ai contenuti di intelligenza artificiale creativa dal selvaggio West e dal più ampio spazio Web3.

La creazione del mondo Web3 dipende dai creatori che spingono lo spazio del futuro nel futuro di Internet. Inutile dire che l’autenticazione AI e il contenuto autobloccante hanno permesso di dimostrare il tuo comportamento.

“I creatori vogliono portare il loro lavoro con sé ovunque e condividerlo con le comunità a cui tengono”. Man mano che l’intelligenza artificiale diventa più comune e onnipresente in spazi potenti, è fondamentale per molti sviluppatori ridurre al minimo la sfiducia degli utenti nei confronti della tecnologia. Di recente, alcune aziende hanno persino creato una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale da condividere con i progettisti del Metaverso.

Fonte: Binance.com