Investire e risparmiare

Risparmiare e investire in tempi di crisi

Avete intenzione di investire un piccolo/medio capitale ma non sapete minimamente da dove iniziare? Ecco, questa guida a l’investimento potrebbe essere molto utile, quindi, vale la pena di spendere alcuni minuti per leggerla.

In primis, cominciamo a capire quale è la differenza tra risparmiare e investire.

Che differenza c’è tra risparmio e investimento?

I due termini non sono sinonimi, perché definiscono due concetti differenti, in particolar modo dal punto di vista del rischio assunto dalla persona.

Il risparmio è definito come la quota di reddito percepito, che si decide di non utilizzare subito, ma di accantonarlo per consumarlo con spese da affrontare in futuro. Per risparmiare è importante considerare che, in generale, il denaro si svaluta, ovvero perde il suo potere d’acquisto durante gli anni a causa dell’inflazione.

Diversamente, l’investimento è inteso, in senso economico, come l’acquisto di un prodotto o servizio a sostegno di una società o del benessere familiare. Mentre, in termini finanziari, riguarda l’acquisto di un’azione, o obbligazione, oppure di un fondo comune, con lo scopo di incrementare il proprio capitale.

La percentuale di rischio ne l’investimento è maggiore rispetto al risparmio. È bene considerare che, a volte, risulti persino possibile perdere il totale del capitale investito.

Consigli e informazioni utili da considerare

Uno dei primi consigli utili di questa guida è quello di utilizzare una parte dei vostri risparmi a l’investimento.
Un secondo consiglio molto importante, per ridurre al minimo i rischi, invece, è diversificare il proprio portfolio, soprattutto in tempi di crisi. Non investire in unico settore ma in una moltitudine di investimenti, in questo modo se uno specifico investimento dovesse andare male, può essere compensato dagli altri eventuali guadagni.

Ora, però, vi starete chiedendo dove è meglio investire, guadagnando tanto e minimizzando i rischi?

Trading online

Una scelta da considerare è il trading online, che si divide tra il trading CFD, il forex trading o il social trading. Si tratta di una forma di investimento finanziario, che vi permette di guadagnare comodamente da casa. La percentuale di guadagno è sopra la media di altri investimenti, ma ovviamente esiste la possibilità di perdere il proprio capitale investito.

Prima di iniziare a fare trading online è necessario, quindi, studiare la materia, e comprendere al meglio le dinamiche del settore.

Bassilo.it consiglia

Non improvvisate, ci vuole una conoscenza approfondita di questa forma di investimento!

 

Se si vuole considerare un altro investimento meno rischioso ma con una discreta possibilità di guadagnare, bisogna optare per il conto deposito. Si tratta di un conto simile al conto corrente, ma con operazioni limitate, e rendimenti maggiori, all’incirca il 3% o 4% annuo. Un’altra differenza è che il patrimonio è vincolato per un periodo determinato (esempio: 1, 5, 10, anni).

È importante sottolineare che questo investimento non è esente da rischi. Nello specifico, le somme inferiori a 100.000 euro sono garantite dal fondo statale, ma per quanto riguarda le quote investite in obbligazioni o titoli, nulla è garantito.

Prova il Social trading di eToro!
Bassilo.it consiglia